Omicidio sull’argine

Il lavoro a quattro mani di Francesca Panzacchi e Vito Introna

13 maggio 2015

Array

La scrittura è da sempre qualcosa che unisce, quando due scrittori si trovano il gioco è fatto, un gioco che porta a lavori interessanti proprio come Omicidio sull’argine, lavoro a quattro mani di Francesca Panzacchi e Vito Introna, un giallo che si snoda lungo il Po. Fare quattro chiacchiere con gli scrittori è una cosa che affascina perché hanno sempre da raccontare aneddoti curiosi, storie interessanti, insomma tutto quello che portano con sé nel loro bagaglio che poi, beh, è quello che riportano tra le pagine. Ecco cosa mi hanno raccontato i due autori che insieme hanno già all’attivo molte storie, dalle fiabe ai gialli.  

Quanto è difficile riuscire a realizzare un lavoro editoriale vincente quando si scrive a quattro mani?

Dipende dall’ispirazione, in genere se ci si accorda prima su un canovaccio le difficoltà sfumano via via che si scrive e ci si rilegge. In ogni caso per rispondere con piena cognizione di causa bisognerebbe completare in tandem un testo di almeno centomila parole.

Come vi siete scelti per questa esperienza?

Cominciammo a scrivere insieme un romanzo noir distopico e da quel momento in poi abbiamo compenetrato i nostri stili spaziando anche all’erotico, al giallo e alla fantascienza. La scelta reciproca è stata dettata da una notevole empatia.

Come avete capito che quella, proprio quella, era l’idea giusta per il senso della storia?

In genere cerchiamo di scrivere per tutti, evitando discorsi di nicchia. Se però una soluzione ci piace irresistibilmente non abbiamo remore e procediamo in tal senso. Per quanto riguarda Omicidio sull’argine siamo partiti dall’ambientazione: sono state le nebbie e le piccole località della Val Padana a solleticare la nostra ispirazione.

C’è uno di voi che ha concluso con le idee chiare il libro o è stato un finale su cui avete lavorato in due?

Tutti i finali li abbiamo concordati, fatta eccezione forse per un racconto di ambientazione calcistica. Per il resto ogni finale, anche quello di Omicidio sull’argine, è stato condiviso.

Francesca Panzacchi e Vito Introna

Francesca Panzacchi e Vito Introna durante una premiazione

Un libro che avreste voluto scrivere?

Un thriller all’americana o una spy story.

Un aggettivo che rappresenti la scrittura dell’altro

Vito: La scrittura di Francesca è completa.

Francesca: Quella di Vito è sorprendente.

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Ti piace questo post?

Altre storie

per la tua pausa caffè

Alda Merini

Alda Merini. Sono nata il ventuno a primavera

Il 21 marzo è uno dei giorni che ricordiamo di più. La primavera è la stagione più attesa, ecco perché non dimentichiamo il suo inizio. Tutti ne parlano, tutti la...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

marco rapp

Marco Rapp

un'altra storia di italiani che ce la fanno... all'estero

Di storie che parlano di italiani fuggiti all’estero ormai ne sentiamo molte. Quella di Marco Rapp, 42 anni, un passato come tecnico delle caldaie e la passione per la...

Relax

Il post “caffè lungo” è ideale per la tua pausa caffè. Lo leggi in 6-8 minuti.

il rosso vivo del rabarbaro

Il rosso vivo del rabarbaro

Il rosso vivo del rabarbaro mi ha colpito per il suo titolo, ma parlarne non era nei piani, come non era nei piani leggerlo. Me lo ha consigliato un’amica al...

Hai qualche minuto?

Il post “caffè corto” lo leggi in 5-6 minuti.

Mostra la barra

Laura Rossiello

giornalista, ghostwriter, copywriter

Non necessariamente in questa successione. Ho fatto di una passione un lavoro, sono passata dagli...
di più su me

coffe time

Caffè ristretto Un post concentrato da leggere in soli 3-4 minuti.
Caffè corto Un post che puoi leggere in 5-6 minuti.
Caffè lungo Il post ideale per una pausa caffè con qualche biscottino, è un post che puoi leggere in 6-8 minuti.

Book
crossing

sullo scaffale di Moka teller

Questo
lunedì

Ti consiglio